Auguri a me e a tutte le mamme!


Ho ritrovato un quaderno, rosa, un po sbiadito…macchiato…forse dalle lacrime che cadevano sui fogli quando ci scrivevo sopra.

È il quaderno della tua nascita.

Lì ho raccolto i miei pensieri, ogni giorno, per 72 giorni.
Ogni giorno che tornavo a casa e tu non c’eri, io scrivevo. 
Scrivevo di
tutto: di quanto pesavi quel giorno, di come erano andate le visite dei medici, i tuoi successi e le emozioni mie e di tuo padre.

Ho conservato quel quaderno affinché tu un giorno possa leggere la tua storia e possa sapere che grande donna sei stata, sei e sarai. Affinché tu possa sentirti sempre ricca di vita, vogliosa di esplodere, di conoscere, di scoprire, di avere successo, di essere unica, perché mia piccola Annacloe tu lo sei. 

Sei unica. 

Sei unica perchè sei già vincitrice di una lunga battaglia, sei già forte, sei già segnata da eventi straordinari ma nonostante ciò sei sempre così allegra, piena di energie, quasi come se volessi rassicurarmi ogni giorno che stai bene e che sei felice. 
Perché quando parlo con te sembra di parlare con la mia migliore amica. Sembra? Ma che dico…tu SEI la mia migliore amica. 
Sei la sorella che non ho mai avuto, sei la mia confidente, la mia compagna di giochi, la mia amica del cinema della domenica, sei il mio spirito, sei le carezze, la dolcezza di cui ho sempre avuto bisogno, sei il mio koala sempre stretta con le braccia intorno al mio collo per sintonizzare i battiti del tuo cuore con il mio, sei dolce e tenera con tutti i bimbi,sei dotata di una speciale sensibilità e una spiccata intelligenza e furbizia. Sei unica lo vedi? E se oggi sono qui è perché, proprio oggi che è la festa della mamma, io mi sento la mamma più ricca del mondo e spero tanto, un giorno, di poter superare tutte le mie ansie e le mie paure e di poterti regalare la gioia di avere al tuo fianco e per la vita una sorellina o un fratellino. 
Si amore di mamma…ho tanta paura. 
Paura di rivivere tutto quello che ho vissuto quando ero incinta e tu giacevi nel mio grembo…i dolori, i pensieri, la paura di non farcela, di perderti. E non so se il mio cuore riuscirebbe a resistere di nuovo a tutto ciò. 
Per il momento siamo solo noi due…io e te e ciò mi basta perché mi riempi così tanto le giornate e la vita che non chiedo altro. Anche quando fai la pazza, monella, isterica e distruggi tutto quello che la mia pazienza costruisce quotidianamente.Anche allora ringrazio dio di averti così come sei! 

Quindi piccolo amore…auguri a me, alla mia mammina che mi è sempre accanto e che amo più della mia vita e a tutte le mamme e grazie per farmi sentire ogni giorno speciale.
Siate felici, non urlate con i vostri bimbi,coccolateli, accarezzateli, amateli.
Mariapaola


Nessuno stato è così simile alla pazzia da un lato, e al divino dall’altro quanto l’essere incinta. La madre è raddoppiata, poi divisa a metà e mai più sarà intera”
(Erica Jong)

6 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...